BLOG

Twitter cinguetta di più

Twitter allunga i suoi caratteri da 140 a 280.
Il social è nato nel 2006 a San Francisco e anche se un po’ a fatica si è esteso per tutto il mondo.

La particolarità e il grande pregio di twitter è l’obbligo della sintesi, riuscire ad esprimere in 140 caratteri un proprio pensiero.

La facoltà della sintesi non è sempre semplice in relazione ad un mondo fatto di tante parole, prolisso e ridondante e di pochi contenuti. Questa capacità di scrivere la notizia più importante in modo efficace è servita ed è stata molto usata dai giornalisti, dagli uffici stampa, da personaggi politici, aziende per annunciare un messaggio importante, fare smentite e o per controbattere in maniera istantanea.

Negli ultimi periodi però gli utenti del cinguettio azzurro sono andati a scemare, preferendo altre piattaforme, questo perché non consentiva una libertà di più larga azione come gli altri social network.

È di oggi il comunicato stampa ufficiale da casa Twitter in cui informano tutti gli iscritti al social la possibilità di creare twitt più lunghi, con 280 caratteri.
Si tratta di una vera e propria rivoluzione, perché cambia la natura della sua origine.

L’immediatezza del messaggio andrà ad esaurirsi, dando spazio a un numero maggiore di contenuti interessanti e meno.
Come scrive Aliza Rozen - Product Manager di Twitter - questa decisione oltre ad essere un rinnovamento è un vero proprio cambiamento della comunicazione.

Questa possibilità di scrivere di più è molto apprezzata dal mondo politico, in quanto durante le campagne elettorali avere a disposizione solo 140 caratteri è un po’ un limite per descrivere il proprio programma o per fare un live - twitt.

Speriamo che non si trasformi in un contenitore di troppe parole, con tanti hashtag e di pochi contenuti.

Condividi l'articolo:
Hai delle domande o vuoi contattarci?
Privacy Policy
 Ho letto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali.
Non ci presentiamo? :(
Contattaci subito