Tips di web marketing: come funziona il sistema di aste su Facebook e Google?

Menu

Sistema delle aste nel web marketing. Come funziona?

Torna alle news
08/09/2016
Google, adWords, Facebook, Web marketing

Sistema delle aste nel web marketing. Come funziona?

Facebook Ads e Google Adwords sono due ottimi strumenti per la pubblicità sul web in quanto, opportunamente mirate, consentono di raggiungere un numero altissimo di utenti interessati all'oggetto del marketing.

Il miglior modo per sfruttare questo modello di marketing è quello relativo alle aste, purché si rispettino una serie di parametri ideali.



Ma cosa si intende per aste quando si parla di Facebook Ads o Google Adwords?
Chiariamo subito che non si tratta di aste normali, bensì di un tipo particolare di asta che mira a ottenere il massimo risultato per la campagna pubblicitaria, fornendo al tempo stesso un servizio utile e positivo alle persone raggiunte.

Un'asta si svolge quando, secondo i parametri selezionati, un utente risulta selezionabile per vedere una determinata inserzione.
È perciò una sorta di asta al contrario, dove tutti gli annunci interessati gareggiano per essere visti da un dato utente che abbia una profilazione adatta a rappresentare un potenziale acquirente, ideale per il prodotto o servizio pubblicizzato.

Affinché un'offerta vinca l'asta deve conseguire il maggior punteggio di valore totale.
Il valore totale è la somma di tre punteggi dati dall'offerta dell'inserzionista; i parametri di riferimento da considerare sono il budget stanziato per la campagna e la qualità e la pertinenza delle inserzioni, che devono corrispondere alle inserzioni per le quali il potenziale utente aveva già in passato dimostrato interesse.
Questo punteggio viene calcolato anche in base ai feedback ricevuti da Facebook o Google dall’utente sull’argomento specifico: un feedback positivo corrisponderà a un aumento del valore del punteggio, mentre un feedback negativo a una riduzione dello stesso.



L'ultimo fattore da considerare è il tasso di azione stimato, ovvero la previsione effettuata da Facebook o Google sulla base dei precedenti comportamenti dell’utente circa il suo interesse verso determinate inserzioni o argomenti e l’eventuale “atterraggio” su landing page specifiche. Le aste mirano proprio a mostrare agli utenti finali soltanto gli annunci coerenti con questo tipo di comportamenti effettuati in passato.

Il sistema è estremamente efficace e il perché è spiegato dai numeri enormi in gioco: Google e Facebook sono in grado di raggiungere miliardi di potenziali utenti perciò, anche qualora ci si rivolga a una determinata nicchia che abbia dimostrato precedenti interessi attinenti alla campagna in corso, si raggiungeranno sempre moltissimi potenziali utenti.

Metti un like

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Vuoi saperne di più? Contattaci subito!

Privacy Policy
Ho letto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali.


Invia

Non perderti le nostre news

Privacy Policy
Ho letto e autorizzo l'invio della newsletter.