BLOG

Come realizzare una to-do list che funzioni veramente

To-Do List

Quando si tratta di svolgere un compito, ognuno di noi ha un metodo che sia più o meno infallibile.
Certo è che, con una to-do list fatta come si deve, la mole di lavoro può sembrare più leggera e può consentire di stabilire una tabella di marcia che sia adatta ai nostri tempi, ma che sia anche efficace e risoluta.


Come stilare una buona to-do list?

Come facciamo a stilare una to-do list che ci possa davvero aiutare e quali sono i trucchi per riuscire a seguire le linee guida che noi stessi scriviamo e promettiamo?
Sicuramente è bene procedere per ordine e per gradi, ma ci sono regole più o meno condivise universalmente per riuscire a dare un senso alla nostra lista dei doveri!

A qualcuno potrebbe sembrare che stilare delle precise liste di compiti da eseguire possa avere a che fare con i disturbi ossessivo/compulsivi; in realtà rappresenta il compromesso più efficace per darsi una vera mossa e cominciare a fare tutte quelle cose che solitamente rimandiamo.

Non solo infatti ci sono delle commissioni o dei compiti da terminare che ci sembrano infiniti, ma spesso ci confondono e ci fanno passare la voglia ancora prima di iniziare.
Pensiamo agli esami per gli studenti o a quando dobbiamo realizzare presentazioni per il lavoro.
Ricordate quella volta in cui vi siete dimenticati il passaporto a casa?
Ecco. Anche in quel caso il problema era la to-do list.


A MANO O AL COMPUTER?
Recentissimi studi, che riguardavano proprio la relazione tra efficacia ed utilizzo delle liste nel comportamento delle persone, hanno rivelato che nel 90% dei casi la riuscita finale di una to-do list dipende dalla tipologia di scrittura che si sceglie nel momento di stilarne una.
Scrivere a mano la propria agenda dei compiti e dei doveri non solo stimola la creatività ed accende il cervello, dando una carica di energia a tutto il corpo, ma risulta più piacevole da leggere e sarà fondamentale per essere memorizzata a lungo.


IL SEGRETO È LA SEMPLICITÀ
Il trucco per seguire un programma stabilito dalla nostra lista sta nel non voler strafare a tutti i costi.
Primo, perché quando scriviamo non ci rendiamo conto della reale mole di lavoro che ci stiamo assegnando: si sa, dal divano seduti a pensare, all'azione vera e propria c'è un abisso...
Secondo perché è stimolante avere a che fare con compiti alla nostra portata che vengono mano a mano esauriti nei tempi prestabiliti e questo ci dà una spinta per proseguire nel nostro intento.

Usate colori e note per sottolineare ed evidenziare i giorni e le mansioni: sarà più facile giocare sul colpo d'occhio!
Se dividiamo la nostra lista per giorni, mai mettere troppa carne al fuoco: pensare alle cose da fare in quella data precisa e poi, nel dubbio, dividere sempre per due.
Il realismo è sempre la miglior cosa perché ci porta ad avere obiettivi realistici che riusciremo a finire piuttosto che a grosse imprese che rischiano di rimanere incompiute.

to_do_list


MAI DIVAGARE TROPPO
Nelle to-do list è sempre meglio specificare quanto più possibile le mansioni da completare.
Se si divaga troppo, anche noi saremo più portati a non ricordare le giuste azioni da fare ed a rimandare, perché ci spaventa l'immensità di un'azione non ben definita.
Esempio: se nella lista c'è una chiamata importante da fare, perché non scrivere anche già il numero da comporre?
Eviterà di rimandare accampando la scusa di non trovare le informazioni e ci farà risparmiare tempo.
Condividi l'articolo:
Hai delle domande o vuoi contattarci?
Privacy Policy
 Ho letto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali.
Non ci presentiamo? :(
Contattaci subito