Warning: copy(https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.0 404 Not Found in /srv/web/abcinteractive.it/www/htdocs/amp.php on line 83

Warning: chmod(): No such file or directory in /srv/web/abcinteractive.it/www/htdocs/amp.php on line 84

Cos'è Telegram?

WhatsApp re della messaggistica istantanea nel mondo mobile?
Per ora certamente sì, con una base di oltre un miliardo di utenti in continua crescita.

Ma c'è chi continua a "rosicchiare" utenti e a scalare posizioni giorno dopo giorno, attestandosi su un onorevolissimo secondo posto.
Stiamo parlando di Telegram, un servizio avanzato di messaggistica istantanea creato nel 2013 e da allora coordinato dai fratelli Pavel e Nikolai Durov.

Attestatosi come la principale alternativa al gigante americano Whatsapp, Telegram nasce per soddisfare due esigenze principali: la semplicità d'uso multi-dispositivo e la protezione della privacy dei suoi utenti.
 


Il cloud di Telegram

Sin dai suoi albori, Telegram è infatti utilizzabile anche contemporaneamente su smartphone, tablet e computer, grazie alle sue molteplici incarnazioni che, al contrario di Whatsapp, utilizzano servizi cloud per trasmettere e distribuire i messaggi inviati dai vari utenti.
Proprio questo è il fattore chiave che rende più efficiente e rapida la sincronizzazione tra i vari dispositivi di un utente Telegram, consentendo a quest'ultimo di non aver bisogno, ad esempio, di avere vicino il proprio smartphone connesso in rete per utilizzare il relativo web client.

L'app permette inoltre l'invio di file di grandi dimensioni (fino a 1,5 Gbyte), nei formati più diffusi come Zip, Mp3, Jpeg, Doc o Pdf, superando anche in questo WhatsApp, che invece pone limiti decisamente più stringenti alle dimensioni dei file trasmissibili.

 

Telegram e la privacy

La protezione della privacy dei suoi utenti è da sempre uno degli obiettivi principali dichiarati dal team dei fratelli Durov, e proprio per raggiungere questo scopo Telegram offre una criptazione a 256 bit di ogni messaggio, con in più la possibilità, se un utente lo desidera, di avviare una Chat Segreta con un altro utente.
In quest'ultimo caso la comunicazione avviene direttamente tra i singoli dispositivi coinvolti, senza alcun passaggio intermedio tramite i server principali di Telegram, garantendo l'impossibilità di recuperare e decrittare i messaggi anche per i programmatori della stessa app.
Di più, una volta scelto di attivare una chat segreta, gli utenti coinvolti possono decidere di impostare un conto alla rovescia: questo avrà inizio subito dopo la conferma di ricezione dei vari messaggi da parte del destinatario, e al suo scadere porterà alla distruzione dei suddetti messaggi all'interno di entrambi i dispositivi, impedendo ogni possibilità di recupero.

Questa attenzione maniacale alla privacy ha spinto anche lo stesso WhatsApp a migliorare i propri protocolli di sicurezza, implementando a partire dagli scorsi mesi un protocollo di criptazione end-to-end proprio ispirato al sistema di Chat Segreta di Telegram.
 




La guerra delle app di messaggistica istantanea

Il software dei fratelli Durov tuttora si può considerare vincente in termini di versatilità d'uso e privacy, due caratteristiche che stanno premiando l'app con una base di oltre 100 milioni di utenti e una crescita media di circa 350mila al giorno (dati Febbraio 2016).

Come WhatsApp, anche Telegram nasce e si prefigge di rimanere completamente gratuito, senza costi di utilizzo nè pubblicità o codice spia di alcun genere, che risulterebbe altresì contrario all'idea stessa dei fondatori.
La "guerra" delle app di messaggistica istantanea, dunque, è tutt'altro che chiusa.
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più.