Ma la vera domanda è: si tratta di qualcosa che i milanesi ci potranno rubare? :-)

Menu

Perché Torino è la prima città italiana in 5G?

Torna alle news
22/12/2016
Tecnologie

Il 5G arriva a Torino, prima città italiana

“Una città per ogni stato deve implementare il 5G entro il 2020.”
Queste le indicazioni dell’Action Plan della Commissione Europea.

Per l’Italia è stata scelta Torino.
Si tratta sicuramente di una buona notizia per il capoluogo piemontese, che sarà dunque la prima città italiana a sperimentare una nuova infrastruttura di telecomunicazioni 5G, grazie ad un accordo siglato tra il Comune di Torino e TIM.

Entro il 2018, 3 mila utenti potranno usufruire di questa rete.
TIM e Vodafone hanno già promesso di attivare la 5G in almeno tre città italiane entro il 2020.
 

Già, ma cosa significa 5G?

Significa un incremento nelle prestazioni superiore di 100 volte rispetto agli standard attuali.
Significa riproduzione di video ad alta definizione in mobilità.
Significa rispondere alle nuove esigenze legate all’evoluzione continua dei dispositivi indossabili e alle applicazioni legate alla realtà virtuale.
Ma ciò che più conta è che 5G significa supporto allo sviluppo automotive e a tutto ciò che rientra nell’industria 4.0, a tutte quelle applicazioni, come le auto che si guidano da sole o la robotica in campo medico, che avranno un peso sempre maggiore nelle nostre vite e nelle nostre prospettive lavorative.

perche-torino-5g

 

5G: perché Torino?

La scelta di Torino non è stata casuale.
A Torino TIM ha già testato la tecnologia vRAN in collaborazione con Altiostar.
Si prevede inoltre una forte collaborazione con il Politecnico di Torino, che, è stato promesso, diventerà “uno dei primi campus 5G d’Europa”.

Mettiamola così: le renne che, grazie al 5G, si guidano da sole hanno portato un bel regalo natalizio alla nostra città.

Metti un like

Vuoi saperne di più? Contattaci subito!

Privacy Policy
Ho letto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali.


Invia

Non perderti le nostre news

Privacy Policy
Ho letto e autorizzo l'invio della newsletter.