Google Glass in Medicina
I Google Glass, tempo fa entrati nel mercato ma subito usciti, potrebbero avere oggi una seconda vita nell’ambito medico.
Si tratta di occhiali dotati di “realtà aumenta prodotto”, in grado cioè di arricchire la percezione sensoriale umana con informazioni convogliate elettronicamente che non sarebbero percepibili solo con i 5 sensi.
Il cruscotto dell’auto e l’esplorazione dei luoghi attraverso uno smartphone ne sono un esempio.

Essi potrebbero permettere di fare consulti in tempo reale con specialisti spesso non disponibili di persona.
L’University of Massachusetts ha recentemente pubblicato uno studio sul “Journal of Medical Toxicology” in cui dimostra che dei pazienti intossicati hanno ricevuto un antidoto ad un veleno, cosa che non sarebbe stata possibile solo con un consulto a distanza.

«Nelle emergenze si è molto occupati e si devono prendere decisioni con gli specialisti velocemente - spiega Peter Chai, uno dei ricercatori coinvolti -
Molte volte si parla con lo specialista solo al telefono, e l’unica cosa che si può avere è una descrizione verbale, anche se tutti i medici preferirebbero vedere il paziente di persona».
In uno degli esperimenti eseguiti cinquanta pazienti sono stati valutati sia da un tossicologo presente che da uno virtuale, e i risultati sono stati gli stessi.

«Il prossimo passo - spiega Aaron Skolnik, che ha coordinato lo studio - sarà utilizzare i Google Glass nei casi di avvelenamento nelle campagne dell’Arizona, per determinare quali pazienti infetti debbano essere portati con urgenza in un centro specializzato e quali possano restare nell’ospedale locale. A settembre e ottobre inoltre parteciperemo a delle esercitazioni in cui 50-60 team di soccorritori di emergenza saranno collegati con 15 specialisti esperti in disastri».

?


Si prospetta dunque un nuovo avvenire per questi famosi occhiali, senza dubbio tra i migliori prodotti hi-tech del futuro!
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più.