Il mondo del crimine, nel corso dei secoli, ha sempre avuto nuove strade da percorrere, e il web è purtroppo una di esse.
Tra i numerosi pericoli che ogni giorno in rete i nostri dati possono correre, uno dei meno noti (ma più rognosi) è sicuramente il ransomware.
Si tratta, in breve, di un malware che attacca e modifica i dati dell’utente, limitando l’accesso e l’utilizzo dei computer infettati.

Dopo l’infezione il computer è praticamente inutilizzabile.
In caso di pagamento di una cifra (che molto spesso ai aggira attorno ai 100 euro) potremo ottenere la password che sbloccherà il computer.
Un vero e proprio “ransom” (ricatto), un’estorsione 2.0 a tutti gli effetti, a cui ovviamente non si deve cedere.



Il ransomware ha avuto un incremento del 200% nel solo 2016.
Questo tipo di trojan malevolo intacca i pc proprio come un normale virus, attraverso il download sul proprio sistema di contenuti di dubbia provenienza, come mail o file exe.
Le vittime preferite dei ransomware non sono tanto gli utenti privati, quanto le piccole e medie imprese, dove ci sono reti di computer che vengono intaccate in pochi secondi.
 

Come proteggersi dal ransomware

Tre i principali consigli per proteggersi dal ransomware: installare un antivirus che sia sempre aggiornato, non scaricare file da fonti sconosciute e prestare attenzione alle finestre di pop up nei siti con contenuti per adulti.
 

Come rimuovere ransomware dal PC?

Ecco alcuni consigli per eliminare i ransomware dal proprio PC.
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più.