Lead Generation. Cioè?

La nostra azienda ha bisogno di clienti. 
È a loro che dobbiamo vendere i nostri prodotti o servizi.
C’è bisogno in questo caso di un’azione di marketing che consenta di generare una lista di possibili clienti che siano interessati a ciò che vendiamo.

Questa azione è comunemente chiamata Lead Generation.
Dietro ad un nome così banale si nasconde in realtà il futuro della nostra azienda.
 

Quali sono le principali strategie di lead generation?

Ci sono innanzitutto le attività di creazione contenuti, realizzate soprattutto all’interno dei blog aziendali.
Stiamo parlando in questo caso di inbound marketing, che altro non è se non quella modalità di marketing centrata sull’essere trovati da potenziali clienti.

Ci sono poi gli “sforzi” SEO, finalizzati a migliorare il posizionamento del proprio sito su Google.
Vanno chiamati “sforzi” perché richiedono un lavoro costante e certosino a livello tecnico e di contenuti.
Come faccio ad essere primo sui motori di ricerca?
Tipicamente se il lavoro SEO viene pagato poco, si otterrà poco, molto poco, proprio perché il lavoro che verrà effettuato non sarà né costante né certosino.

La creazione di landing page ottimizzate e soprattutto continuamente testate è un’altra attività imprescindibile per chi vuole effettuare lead generation.
Si tratta di pagine create ad hoc per promuovere offerte speciali, promozioni o semplicemente la propria azienda.
Perché le landing page devono essere continuamente testate?
Perché non sempre si riesce ad essere convincenti al primo colpo. Spesso un piccolo cambiamento a livello grafico o testuale può fare la differenza in termini di conversioni.

I social media costituiscono un importante presidio, attraverso il quale cercare di ottenere nuove lead.
Per alcune tipologie di business può essere sufficiente una campagna su Facebook per ottenere ottimi risultati, per altre è necessaria una strategia integrata che includa anche altri annunci (ad esempio gli annunci a pagamento di Google Adwords) o attività di inbound marketing, per altre ancora Facebook e in generale i social possono risultare persino inutili e quindi uno spreco di soldi.





In generale tutte le attività pubblicitarie (Facebook Ads e Google Adwords sono i canali principali) rientrano nella macrocategoria dell’outbound marketing, cioè quella modalità di marketing in cui siamo chiamati non ad attirare i clienti verso di noi, ma a spingere i nostri prodotti o servizi verso di loro attraverso campagne pubblicitarie.
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più.