In un mondo dove i social sono diventati un'abitudine, i leader politici usano Snapchat per attirare i più giovani. Ma come fanno?

Menu

Come i leader politici usano Snapchat per attirare i più giovani

Torna alle news
17/01/2017
Snapchat, Marketing, Social media, Web

Snapchat, questo sconosciuto: quali potenzialità nella comunicazione?

Snapchat, nata nel 2011, ha oramai superato i 100 milioni di utenti e la maggior parte di loro non ha più di 24 anni. Ovviamente, non tutti hanno raggiunto la maggiore età e, quindi, non possono votare, ma è comunque opportuno “educarli” per il futuro e i politici sanno esattamente come coinvolgerli. Facciamo qualche esempio…

Il Parlamento Europeo è molto attivo sulla piattaforma e condivide tantissimi “snap” in cui ringrazia i giovani per i loro contributi e per le attività sociali svolte. Dall’altra parte del mondo, troviamo la Casa Bianca che pubblica immagini coinvolgenti, relative più che altro alle festività e alla tradizione. Attualmente, il profilo su Snapchat è gestito da stagisti che hanno la stessa età dell’utente medio dell’app: in questo modo possono sicuramente condividere i contenuti giusti!



Tra gli altri leader politici che usano Snapchat per attirare i più giovani troviamo François Hollande, che pubblica i momenti clou dei suoi viaggi d’affari. Anche il presidente argentino Mauricio Macri si è reso conto che questa è la piattaforma ideale per attirare nuovi consensi: ha iniziato condividendo alcuni scatti della visita di Barack Obama in Argentina. Adesso pubblica tanti selfie “dietro le quinte” e il feedback è sempre molto positivo.

Insomma, i leader politici che usano Snapchat per attirare i più giovani sono tanti e dobbiamo dire che non è che adottino poi grandi strategie per riuscirci, non credete?

Metti un like

Vuoi saperne di più? Contattaci subito!

Privacy Policy
Ho letto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali.


Invia

Non perderti le nostre news

Privacy Policy
Ho letto e autorizzo l'invio della newsletter.