Stop al Bullismo

Menu

Bullying e il cybercrime

Torna alle news
19/06/2015
Privacy, Tecnologie, Web

Il Web è una rete infinita di interconnessioni che rende più semplice la comunicazione tra le persone aprendo nuove possibilità per tutti noi.
L'altra faccia della medaglia però è rappresentata dai rischi dell'uso improprio di questo strumento.
Tra questi possiamo identificare il Cyberbullismo (Bullying in inglese).

Per tutti i giovani che vengono a contatto con queste nuove tecnologie la distinzione tra vita online e vita offline è davvero minima.
Le attività che tutti i ragazzi svolgono online attraverso il web e social network hanno, molte volte, ripercussioni anche nella vita reale influenzando il modo di comportarsi dei ragazzi attorno a noi.

Per comprendere a fondo il Cyberbullismo vi elenco una serie di domande per capirne anche le cause, gli effetti e cosa fare per aiutare i ragazzi mettendo in atti comportamenti responsabili senza essere autori, vittime o coloro che semplicemente assistono a queste azioni senza fare nulla.

Si può definire cyberbullismo l’uso delle nuove tecnologie per intimorire, molestare, mettere in imbarazzo, far sentire a disagio o escludere altre persone.

Tutto questo può avvenire utilizzando diverse modalità offerte dai nuovi media:
 
  • Telefonate
  • Messaggi (con o senza immagini)
  • Chat
  • Social network
  • Siti di domande e risposte
  • Siti di giochi online
  • Forum online
Le modalità specifiche con cui i ragazzi realizzano atti di cyberbullismo sono molte:
 
  • Umiliando e deridendo la persona alle spalle, spazzando via qualsiasi forma di rispetto conosciuto
  • Rubando l’identità e il profilo di altri, o costruendone di falsi, al fine di mettere in imbarazzo o danneggiare la reputazione della vittima;
  • Pettegolezzi diffusi attraverso messaggi sui cellulari, mail, social network;
  • Postando o inoltrando informazioni, immagini o video imbarazzanti (incluse quelle false);
  • Insultando o deridendo la vittima attraverso messaggi sul cellulare, mail, social network, blog o altri media;
  • Facendo minacce fisiche alla vittima attraverso un qualsiasi media.
Queste aggressioni possono far seguito a episodi di bullismo vero e proprio oppure continuare ad essere cyberbullismo che porta il ragazzo vittima a crollare psicologicamente.

Perchè parliamo di Bullismo e Cyberbullismo?

Quando pensiamo a questa parola la associamo direttamente al piccolo bambino che non è in grado di difendersi da solo, ma in realtà ogni persona di qualsiasi età può essere colpita da questa situazione!

Ognuno di noi ha conosciuto una persona che per carattere, personalità o malattia si comportava in maniera aggressiva nei propri confronti. Questi atteggiamenti accrescono quando si forma un gruppo per colpire l'anello debole della catena.

Ecco cosa capita quando non vi è nessun interessamento da parte di qualcuno:
  Ecco invece dei ragazzi che si sono rimboccati le maniche per affrontare la situzione:

Soluzioni

Porgere l'altra guancia:
  • Essere più forti e chiedere a gran voce le motivazioni di queste azioni
  • Serve per avere una risposta diretta di cosa non funziona
Chiedere aiuto:
  • È sempre il modo migliore per affrontare la situazione quando questa diventa insostenibile
  • Non è un atto di debolezza, ma è un modo efficace per capire la situazione
  • Non si rivolterà mai contro ma permetterà di capire una volta per tutte le cause
Vendicarsi
  • Non è mai il modo migliore per affrontare la situazione, si rivolterà contro di voi


 

Metti un like

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Vuoi saperne di più? Contattaci subito!

Privacy Policy
Ho letto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali.


Invia

Non perderti le nostre news

Privacy Policy
Ho letto e autorizzo l'invio della newsletter.