SEI ABBASTANZA FURBO DA ESSERE STUPIDO?

Quando mi chiedono che lavoro faccio, rispondo prontamente: scrivo.
Un attimo di panico e… “scrivi?”. “Sì, faccio la COPY”.
“Ah ecco….”.
Che stupida eh? Retrograda che sono.
 
I tempi cambiano, le stagioni passano… e l’italiano? Insieme a loro.
 
Ero in latteria l’altro giorno. “Un etto e mezzo di cotto perfavore”.
“Sorry?”. Quei baffetti piccoli e neri mi colgono di sorpresa. Ripeto la richiesta, balbettando.
Avrò fatto una domanda inopportuna, mi dico.
“Un etto di cotto yes, sure”. Un colpetto alla spalla, una raddrizzata al cappellino e giù a colpi di lama.
 
“Grazie mille”. “You’re welcome!”
Mi fermo un attimo, mi guardo attorno.
Eppure sono a casa, ho solo attraversato la strada.
 
È tutto più ingli-shhhh, più tecnologico. Tutto più social e viral.
Anche le ricette della mia dottoressa. Soprattutto la mamma della dottoressa!
“Due scatole di Tachipirina PLEASE  (mi sento davvero figa). Ho sentito che questa influenza è virale”.
“Davvero? Taggami su Facebook che condivido allora”.
 
Pensavo di essere “avanti”. Ecco… “Avanti un altro”.
 
“La tecnologia è il mio parco giochi...”, affermava Renzo Rosso.

Il fondatore di Diesel per chi non lo conoscesse.

…negli anni Ottanta avevo fatto tagliare il cruscotto della mia macchina per mettere il pulsante dell’apricancello dell’azienda, di casa e di accensione delle luci del giardino! Già all’epoca avevo il telefono in auto che più che un telefono era uno scatolone.
Anche in azienda ho sempre voluto portare l’ultima generazione di tecnologia: molta dell’innovazione del mondo del CAD-CAM è stata sviluppata nei nostri uffici con i nostri tecnici e direttori di produzione. Nel 1995 è nato il nostro sito che fu subito rivoluzionario: innanzitutto eravamo il brand della moda a presentarsi su internet e lo facemmo senza mostrare i nostri capi!
Era affascinante guardare ogni giorno quanta gente (poca) entrava nel sito, cosa sceglieva e le domande che faceva. Mi ricordo che fui al settimo cielo quando riuscimmo a vendere sedici paia di jeans in un giorno solo.
Mi piace il web perché è democratico, trasparente, permette di comunicare direttamente con le persone e si rivolge a un pubblico giovane, curioso e preparato. Ci consente di interagire con i fan di tutto il mondo, comunicando i nostri messaggi sui social network…

 
Aggiorno il mio cv con qualche parola inglisc, condivido asc-taggh improbabili per aumentare i laich e cerco la prospettiva perfetta per un selfi da urlo, ma il mondo corre. Così velocemente che non riesco a stargli dietro.
Respiro con il naso ed espiro con la bocca. Ma la milza inizia a fare male ed il fiato è sempre più corto.
 
E mentre voi vi fate furbi, io continuo a sentirmi un po’ troppo stupida. O forse solo stupita!
 
Vado, stasera c’è #sanremo.
Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più.