Menu

Quando il social diventa "sociale": movimenti per la difesa delle donne

Nel 2013 è stato fondato dalla dottoranda della Columbia University Tara L. Conley un sito web dedicato all'analisi dei tweet e dei post sui social media relativi ai diritti delle donne dal nome #HashtagFeminism.
È un esempio grandioso di come i social network possano esprimere il loro potenziale, aldilà del descrivere semplicemente i momenti quotidiani delle persone. Sensibilizzare le persone su argomenti difficili come la difesa delle donne è un modo per esprimere questo potenziale.
L'idea, come descrive la fondatrice Tara L. Conley, è nata dall'interesse alle conversazioni e alle storie contrassegnate da hashtag quali #SolidarityIsForWhiteWomen, #NotYourAsianSidekick, e #MyFeminismLooksLike.
Dopo un' analisi eseguita su Topsy.com, un sito di indicizzazione e misurazione per indagare la nascita e lo sviluppo di questi tag nel corso del tempo, che ha evidenziato la crescita e la grande partecipazione degli utenti a questi movimenti, la dottoranda, ispirata anche dall'omonimo cd di Beyoncé, ha deciso di costruire questo spazio, in cui le storie potessero essere pubblicate e, grazie alla loro grande forza, aiutare le altre persone.



Nel 2014, in Italia, Equilibra ha creato l'iniziativa EssereDonna contro la violenza sulle donne, che ha riscosso un grande successo raggiungendo i 95.180 euro devoluti ad associazioni impegnate nella tutela delle donne vittime di violenza.
Quest'anno Esseredonna, in parallelo ad un concorso letterario che porterà alla pubblicazione di un libro dedicato all'argomento dal titolo “Storie di Donne...”, propone a uomini e donne di sostenere il progetto inviando semplicemente un tweet, un post o un pensiero su ciò che significa #Esseredonna.



Queste iniziative ci aiutano a capire che sicuramente i social media non sono la soluzione, ma possono trasformarsi, se affidati a mani capaci, in grandiosi strumenti che riescono a dare forza ai pensieri e alle storie.

Metti un like

Vuoi saperne di più? Contattaci subito!

Privacy Policy
Ho letto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali.


Invia

Non perderti le nostre news

Privacy Policy
Ho letto e autorizzo l'invio della newsletter.