Pubblicità su Instagram. Opportunità da non perdere.

Menu

Come fare pubblicità usando Instagram.

Torna alle news
25/04/2016
Instagram, Advertising, Social media, Web

Ha preso il via il 30 settembre 2015 la vera rivoluzione di Instagram. Proprio da quel giorno, infatti, il sito nato nel 2010 come semplice filtro per immagini, e poi acquistato da Facebook nel 2012, ha aperto le sue porte alla pubblicità.

Su Instagram per le aziende è quindi possibile, da qualche mese a questa parte, promuovere le proprie campagne pubblicitarie.
Dall'altra parte gli utenti (parliamo di 400 milioni sparsi nel mondo), che quotidianamente postano e condividono o commentano le loro foto e quelle dei loro amici, all'interno dei loro feed trovano anche dei contenuti sponsorizzati.
Con questi possono anche interagire, pur restando all'interno di Instagram.

Si può davvero parlare di una rivoluzione vista l'impennata in termini di contatti per Instagram: oggi i suoi utenti pubblicano qualcosa come 80 milioni di foto al giorno, e si stimano circa 3 miliardi e mezzo di "like".
I margini di crescita sono enormi, maggiori anche di Facebook.

Al momento i competitors non hanno retto il colpo e si trovano in difficoltà. Si tratta di un mezzo utilizzabile solo con smartphone e questo lo rende fruibile praticamente a tutto il mercato.

Nel mondo le grandi multinazionali hanno subito intuito la rivoluzione in corso e hanno deciso di investire capitali importanti in visual advertising. Studi in questo settore hanno infatti confermato che il grande pubblico preferisce osservare una foto piuttosto che un testo scritto. Per questo motivo Instagram rappresenta per il mondo del commercio uno strumento nuovo e potenzialmente ineguagliabile.

A differenza di altri Paesi, attualmente in Italia non è ancora stato compreso completamente il potenziale di Instagram.
A fronte di un numero di utenti attivi giornalmente che sfiora i 5 milioni, sono ancora molto poche le aziende che hanno deciso di investire in questo strumento.
Recenti indagini hanno verificato che il settore dell'intrattenimento, della stampa e della cultura sono quelli che risultano più presenti. I followers non mancano: proprio la categoria cinema e tv può contare oggi più di 60mila "seguaci", seguita poi dallo sport e dall'abbigliamento.
Si tratta però di numeri ancora ridotti vista la potenza del mezzo. Settori in cui l'Italia è leader come il turismo, l'abbigliamento e il design non sfruttano ancora fino in fondo i social network, Instagram in questo caso e i suoi strumenti commerciali.


instagram_pubblicita

Ma operativamente, come si può fare pubblicità su Instagram? Per prima cosa si deve partire da Facebook.
Qui si utilizza lo strumento Facebook Power Editor. Attraverso questa pagina si possono impostare le campagne pubblicitarie sul social network di Marck Zuckerberg.
A questo punto si sceglie il tipo di campagna pubblicitaria che si vuole impostare. Si sceglie per prima cosa il nome della campagna generale, poi il gruppo delle inserzioni e, infine, il nome della singola inserzione che intendete pubblicare in questo momento.
Nel caso esistano già delle campagne pubblicitarie ancora attive, si possono scegliere e aggiungere inserzioni a queste.

Se invece si tratta di una campagna completamente nuova, si seleziona la tipologia di servizio che si desidera attivare.
Compare un menu a tendina e si sceglie l'opzione più congeniale.
Se, ad esempio, vogliamo fare in modo che cresca il numero di visitatori di un sito, allora si imposta la voce "Click sul web".
Così facendo quando un utente Instagram cliccherà su un'immagine verrà reindirizzato al sito che si vuole promuovere. Creato il contenitore della campagna, si passa alla scelta dei canali sui quali questa verrà poi attivata.
Viene dichiarato il budget della campagna e si imposta la programmazione oraria (in quali giorni e ore questa deve comparire). Infine si passa al posizionamento vero e proprio, scegliendo i canali sui quali la campagna deve comparire.

L'ultima parte per completare l'intera operazione prevede la scelta di una pagina di cui si è amministratori e di un link che servirà a portare visitatori al sito web.

Si seleziona quindi un'immagine per l'interzione che si vuole pubblicare su Instagram e il tipo di interazione che si preferisce: in gergo si definisce la "call to action".

Esistono poi dei piccoli accorgimenti per attirare l'attenzione del grande pubblico.
È stato dimostrato, ad esempio, che scattare immagini dietro le quinte di un'azienda, mostrando come nasce un prodotto, può avere un buon riscontro.
Viene infatti svelato un aspetto che solitamente resta nascosto: si fornisce un'idea di trasparenza e di vicinanza verso il consumatore. Questa politica di comunicazione è stata utilizzata in passato da diversi marchi con risultati molto positivi.
L'azienda Everlane, specializzata in abbigliamento, ha realizzato una gallery per mostrare come nascono i prodotti che poi si trovano sul mercato. Il successo di contatti e interazioni è stato sorprendente e ha permesso al marchio di raggiungere più facilmente i suoi clienti veicolando un messaggio positivo.

Un altro consiglio che può rivelarsi utile è quello di prestare attenzione agli eventi. Anche in questo caso Instagram consente di intercettare eventuali clienti andandoli a trovare nelle occasioni a loro preferite.

Metti un like

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Vuoi saperne di più? Contattaci subito!

Privacy Policy
Ho letto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali.


Invia

Non perderti le nostre news

Privacy Policy
Ho letto e autorizzo l'invio della newsletter.