Menu

9 consigli per migliorare il profilo Linkedin

2 al secondo è il numero di nuovi iscritti a Linkedin, la maggior parte dei quali entra nel più famoso tra i business network alla ricerca di opportunità commerciali.

Ciò significa che quando avrete finito la lettura di questo articolo averete la possibilità di contattare almeno altri 350 nuovi utenti su Linkedin!

Ma su Linkedin, si sa, la cosa più importante non è tanto cercare nuovi contatti, ma farsi trovare dagli altri, pertanto diventa fondamentale creare un profilo efficace.

Ecco 9 consigli per un profilo al top:

1) HEADER

Un'immagine di qualità vale più di 1000 parole! Linkedin offre l'opportunità di inserire un banner da utilizzare come header sulla propria home. 

Qualche consiglio: usate JPEG, PNG o GIF con peso inferiore ai 4Mb. Le dimensioni consigliate sono 1400x425 pixel.

Linkedin Banner

2) FOTO DEL PROFILO
Pensate al vostro curriculum: inserireste una foto che vi ritrae in costume da bagno? Oppure una di quando avevate dieci anni in meno? Immagino di no. Il vostro profilo Linkedin è un curriculum online, fatene buon uso. Scegliete dunque una foto recente, anche particolare, ma in cui vi si possa riconoscere. Evitate i selfie!

Evitare i selfie

3) HEADLINE

Cosa si intende per headline? È la parte introduttiva di un testo. Spesso viene evidenziata utilizzando caratteri grassettati o font più grandi. In un articolo di giornale rappresenta il titolo. La versione italiana di Linkedin chiama l'headline "Il tuo sommario professionale", una traduzione maccheronica, ma il senso non cambia! Di fatto è l'introduzione al nostro profilo che tutti gli altri utenti possono visualizzare. Capite pertanto che è fondamentale essere sintetici e, nello stesso tempo, cercare di fornire quante più informazioni possibile.

4) LINK ESTERNI

Linkedin consente di personalizzare il proprio profilo pubblico. Nello specifico è possibile modificare i testi dei link alle pagine web. 

Personalizzare i link

Di default Linkedin suggerisce Blog / Sito Web aziendale / Sito Web personale / Portfolio / Feed RSS ma da anche l'opportunità di inserire del testo a nostro piacimento: approfittiamone quindi! Utilzziamo testi parlanti, call to action e quanto possa rendere più attraente il nostro link.

5) RIEPILOGO

Il riepilogo rappresenta la nostra presentazione. Vediamolo come la vetrina di un negozio: se abbiamo molti articoli da vendere, dobbiamo organizzarli, affinchè i passanti siano portati a fermarsi e guardare.

Esistono diverse tecniche per creare profili efficaci. Ritengo che una tra le migliori sia quella di organizzare i contenuti per aree. Ad esempio, se vi occupate di grafica e di video editing, potreste creare due paragrafi distinti, ciascuno dei quali dedicato alla descrizione delle vostre mansioni in quell'area specifica.

Ricordate che l'obiettivo non è quello vendere le vostre competenze, ma di far capire quanto possiate essere utili agli altri utilizzandiole. 

6) COMPETENZE E ENDORSEMENT

Potete migliorare ulteriormente il vostro profilo inserendo le vostre competenze. Se ritenete di essere davvero esperti in un campo allora aggiungetelo alla lista. Potrete inserire fino a un massimo di 50 elementi, ma tenete a mente che la tuttologia non è ancora disciplina universitaria, dunque non esagerate. 

Le altre persone potranno confermare le vostre competenze. Anche voi potrete fare lo stesso. Il meccanismo dello scambio è sicuramente molto efficace!

Gli endorsement

7) ORGANIZZAZIONE DEI CONTENUTI

Gli elementi che compongono il vostro profilo possono essere organizzati. Per farlo è sufficente entrare in modalità modifica e trascinare i vari box. Anche in questo caso non esiste un ordinamento migliore di un altro. Ricordate che, ovviamente, i contenuti messi all'inizio saranno qualli visti di più.

Un buon metodo di organizzazione potrebbe essere il seguente:

1 - Riepilogo
2- Competenze e endorsement
3 - Esperienze di lavoro
4 - Esperienze di volontariato
5 - Premi / Onoreficenze 
6 - Pubblicazioni
7 - Altre informazioni
8 - Raccomandazioni
9 - Gruppi

8) I GRUPPI

Come sappiamo esistono due tipologie di gruppi: quelli privati e quelli pubblici.
Linkedin consente la partecipazione fino a un massimo di 50 gruppi.
I gruppi consentono di contattare un numero molto elevato di contatti.
Il consiglio è semplice: partecipate, dite la vostra, fatevi notare. Essere attivi nei gruppi significa aumentare la propria autorevolezza.

9) BLOG E PULSE

Da qualche tempo è possibile utilizzare Linkedin come se fosse un blog. Come? È semplicissimo, è sufficente iniziare a utilizzare Pulse, come analizzato in questo articolo, in cui spieghiamo come fare social blogging usando Pulse.

Ti piacerebbe saperne di più su Linkedin? Prova i nostri corsi!
 

Metti un like

Vuoi saperne di più? Contattaci subito!

Privacy Policy
Ho letto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali.


Invia

Non perderti le nostre news

Privacy Policy
Ho letto e autorizzo l'invio della newsletter.