caricamento articolo...

Menu

21 regole per un Web Writing efficace

Torna alle news
13/01/2015
Content marketing, Marketing, Social media, Web

Jacob Nielsen, nel 1999, in "web usability", affermava che la lettura sullo schermo del pc è del 25% più lenta rispetto alla lettura su carta. Ricerche successive hanno inoltre dimostrato che è anche più faticosa.

Tecnicamente, la lettura su uno schermo risulta più complessa in quanto l'immagine (e quindi il testo) mostrati a video non sono stabili, ma vengono, invece, aggiornate continuamente. Lo schermo è poi un dispositivo che, a differenza della carta, emette luce.

Parlando di web, inoltre, bisogna anche considerare le innumerevoli distrazioni a cui gli occhi dei lettori sono sottoposti: immagini, link ipertestuali, banner, colori... E sono proprio gli occhi, che, grazie al loro istinto di sopravvivenza, sulle pagine web cercano di fare il minimo sforzo possibile durante la lettura, spesso spostandosi da un paragrafo all'altro, cambiando colonna, riga e così via.

È pertanto evidente quanto oggi sia divenuto importante cercare di agevolare il più possibile la lettura agli utenti web, favorendo proprio il movimento degli occhi, assecondandolo.

Vediamo alcune semplici regole per creare dei contenuti di qualità facilmente accessibili dai nostri lettori:

1) immedesimarsi in chi legge
Affermazione che vale in maniera assoluta e generale. Pensare a chi leggerà i nostri contenuti aiuta a pensare come loro, dando la possibilità di immaginare eventuali difficoltà. Ciò è anche sinonimo di comunicare più efficacemente con il proprio target. Poniamoci quindi alcune semplici domande:
  • A chi mi sto rivolgendo?
  • Quale è il messaggio?
  • Che stile devo utilizzare?
2) Essere sinceri, soprattutto sul web: citare le fonti ed evitare di scrivere contenuti inutili.

3) Cercare di "quagliare", ovvero di arrivare dritti al punto, evitando perdite di tempo inutili e fronzoli. Si parte da info generiche, per poi andare dritti al nocciolo del nostro articolo.

4) Scrivere max 20 parole per frase.

5) Evitare concetti già espressi in precedenza.

6) Evitare gli avverbi e gli aggettivi facilmente eliminabili senza arrecare danni alla comprensione generale del testo.

7) Essere chiari.

8) Dividere il testo in blocchi, che risultano molto più leggeri e leggibili.

9) Evitare gerghi tecnici o settoriali. Difficilmente i nostri interlocutori conoscono i nostri stessi tecnicismi.

10) Evitare il testo giustificato, in quanto sul monitor non dà punti di riferimento tra una riga e l'altra.

11) Usare elenchi (puntati e numerati)

12) Prediligere font ad alta visibilità, senza grazie, come Verdana, Arial e Helvetica. Qui i grafici storceranno il naso, ma preferisco che il lettore termini la lettura di un articolo piuttosto che farlo emozionare con un font meraviglioso senza riuscire a trasmettergli il mio messaggio.

13) Usare di tanto in tanto il grassetto. Come detto prima l'occhio del lettore si sposta continuamente all'interno della pagina web, pertanto le parole o le frasi su cui tenderà a soffermersi saranno quelle grassettate, o per dirla alla nerd: "boldate".

14) Sempre nell'ottica di una migliore comprensione occorre evitare l'uso di acronimi o sigle non comuni ai nostri interlocutori

15) Sfruttare i link.

16) Non usare il sottolineato: gli utenti potrebbero confondersi e scambiarlo per un link.

17) Evitare il corsivo, che specie per determinati font, non rende su monitor in termini  di leggibilità.

18) Evitar e(o)rrori ortografici.

19) Creare legami logici tra le varie sezioni del testo

20) Scrivere in maniera coerente: evitare cioè di contraddirsi all'interno della stessa pagina

21) Controllare i testi prima di pubblicarli: sempre, comunque.

.... buona scrittura!


Web usability

Metti un like

Vuoi saperne di più? Contattaci subito!

Privacy Policy
Ho letto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali.


Invia

Non perderti le nostre news

Privacy Policy
Ho letto e autorizzo l'invio della newsletter.